Kategorie: Cripto

already better than the full 2016 halving cycle

Bitcoin development: already better than the full 2016 halving cycle

Bitcoin has already outperformed the 2016 halving cycle in 2020, with a 2.2-fold increase.

Bitcoin (BTC) has more than doubled since the last halving of the block reward and has now overtaken the last bull run.

According to data from the on-chain monitoring website ChartsBTC on 23 November, Bitcoin is on track for significant price gains compared to its previous two halves in 2020.

Based on figures from Coin Metrics and statistician Clark Moody, the ChartsBTC Halving Index compares the progress of Bitcoin since it was halved over Bitcoin Union in May with the six months following halves in 2012 and 2016.

Here it becomes clear that Bitcoin is surpassing its run to the all-time high of $20,000 in 2017 in terms of price development. Only 2012 brought an even faster upward potential. At that time, the BTC/USD pair halved in value to just US$ 12.

Six months after being halved, Bitcoin has increased 2.2 times in 2020. In 2016, it was 1.3 times higher. In 2012, by contrast, it was 12 times higher in the same period.

Waiting strong increase

The data support the argument that Bitcoin in 2020 has little in common with the situation three years ago. Buyers have changed and are now corporate giants that meet customer demand. They are investing for the long term and not for speculative purposes.

For analyst PlanB, who developed the stock-to-flow model for Bitcoin, this is an all too clear catalyst for further price gains.

As Cointelegraph reported on Monday, he believes that much faster growth could begin in January 2021. This should be on a par with the previous two halves in terms of performance.

„Monday! Paypal, Grayscale and Square will continue to buy today,“ he said of the large-volume bulls.

Last week, a comparative chart of Bitcoin „halving candles“ put the year 2020 into perspective and showed how much potential there still is until the end of the current halving cycle in 2024.

Each candle caused the BTC/USD pair to rise to a price much higher than the last. The year 2024 should therefore bring a price of $100,000 if history repeats itself.

I residenti giapponesi hanno denaro contante da risparmiare, ma sta andando a criptare?

La Bank of Japan ha segnalato che l’offerta di stock di moneta in circolazione è aumentata del 6% in giugno in seguito al ricevimento di pagamenti di agevolazioni economiche.

Gli investitori in Giappone hanno aumentato le loro partecipazioni

Gli investitori in Giappone hanno aumentato le loro partecipazioni criptiche durante le prime fasi della pandemia prima che il governo emettesse i pagamenti per gli aiuti economici.

Secondo un rapporto del 13 luglio dell’agenzia di stampa giapponese Nikkei, la Banca del Giappone ha rivelato che l’offerta di M3 nel paese – una misura di vari stock di moneta in circolazione – è aumentata del 5,9% a giugno a 13,5 trilioni di dollari.

La quantità di liquidità a disposizione dei residenti del Giappone è aumentata a seguito dell’emissione da parte del Immediate Edge di 100.000 yen – circa 936 dollari – di pagamenti di stimolo agli individui, 300.000 yen ad alcune famiglie e altri pagamenti alle aziende in risposta all’epidemia di coronavirus.

Il Nikkei ha riferito che tali pagamenti hanno reso „abbondante“ il flusso di cassa in Giappone con un minor aumento delle loro abitudini di spesa. Se questo denaro dovesse andare verso un numero qualsiasi di mercati di attività, potrebbe formare una bolla mentre l’allentamento quantitativo continua mentre l’inflazione è limitata.

Pagamenti di stimolo che vanno in cripto?

Il Cointelegraph ha riferito in aprile che il numero di acquisti per 1.200 dollari sul crypto exchange Coinbase è quadruplicato a marzo. I dati suggeriscono che gli americani potrebbero aver utilizzato gli assegni emessi dal governo per gli aiuti economici per investire in valuta criptata nel bel mezzo delle principali chiusure nazionali.

A marzo, gli investitori in Giappone hanno aumentato le loro partecipazioni nelle principali valute crittografiche, dell’11% per Bitcoin (BTC), del 5,7% per Ethereum (ETH) e del 6,4% per Ripple (XRP), oltre a guadagni moderati per altri altcoin.

L’emissione di assegni di stimolo da 936 dollari in Giappone è iniziata in aprile. Ciò significa che i residenti giapponesi stavano investendo di più nel crypto dopo il „Giovedì Nero“ e durante le prime misure nel paese per prevenire la diffusione del coronavirus – molte scuole in Giappone hanno chiuso a marzo.